sabato 9 febbraio 2008

Rho - Asr Milano : 34 - 14

È un buon Rho quello che ieri sera si è imposto nella gara di recupero della 11^ giornata di campionato. La partita viene decisa nei primi 20 minuti quando il Rho marca tre mete. In seguito l'Asr rialza la testa (anche in virtù di aver messo in moto i muscoli dopo un breve riscaldamento dovuto ai giocatori che arrivavano dal lavoro) e inizia a mettere in difficoltà la mischia rhodense, realizza una meta su una svista arbitrale e crea pressione ai tre quarti. Prima del fischio del primo tempo c'è tempo un'altra metà del Rho che raggiunge così la quota necessaria di mete per il bonus.
Nella ripresa i milanesi continuano a creare pressione. Arriva così un'altra meta degli ospiti. Rho però ingrana nuovamente la marcia e realizza
sul finale due mete che chiudono la partita.
Onore e gloria all'Asr che da buona squadra qual'è ha saputo mettere in difficoltà i nostri giocatori.

5 commenti:

e ha detto...

eh Pà, ma tu sei pilone di destra o di sinistra?

Fuma ha detto...

entrambi per la verità, ma preferisco giocare a sinistra

e ha detto...

non mi ricordo Castrogiovanni che ha detto oggi se è più pesante il ruolo di sinistra o di destra. TUTTI E 2???? Uomo dalle mille qualità ;)

Fuma ha detto...

Allora... andiamo un'attimo a spiegare la differenza.
Innanzitutto c'è da precisare che, essendo la prima linea composta da tre uomini, l'ingaggio con gli avversari e disallineato rispetto alle teste. Ci si "incastra" con la teste nelle spalle avversarie di conseguenza il pilone sinistro rimane con una spala libera, mentre quello destro le ha impegate tutte e due (lo so, dovrei fare un disegnino).
Questo porta il pilone destro ad essere più pesante (deve reggere maggiormente la spinta avversaria), mentre il pilone sinistro è quello più tecnico perché, per contro, deve fare maggiore forza spingendo con una sola spalla contro il pilone destro opposto.
Per finire: non c'è un ruolo più o meno pesante dell'altro

e ha detto...

del tunnel già m' hai spiegato indi sto apposto. per il momento... lo so che mi odi eh eh eh